BON VOYAGE!

Pubblicato il 18/06/2014
18/06/2014

NELLA TERRA DELLE "MILLE E UNA NOTTE": L'IRAN

di Andrea Consalvi

Se avete mai aperto un libro di storia, anche solo una volta nella vita, per forza di cose vi è capitato di leggere dell’impero Persiano.

Il match di World League tra Italia ed Iran, sicuramente, non rimanda con la fantasia ai fasti di Re Serse I e alle epiche battaglie con i Greci, e sicuramente il team allestito da coach Kovac non è paragonabile per caratura al potente esercito Persiano, ma l’Iran oltre ad essere una squadra in ascesa nel panorama della pallavolo mondiale, è anche una nazione che racchiude una terra misteriosa e affascinante.

Posizionato nel sud-ovest asiatico, l’Iran fa da “cerniera” tra il mondo Arabo e il mondo Asiatico, e la vostra curiosità non può esimersi dal portarvi in una terra che fa da collante tra due mondi.

Nemmeno il tempo di effettuare gli accorgimenti climatici del caso, per capire se nella vostra valigia sia più conveniente mettere un costume o paio di guanti, che il Passbook del vostro Iphone presenta un biglietto per l’Iran targato Pegasus Airlines.

I conflitti abbastanza recenti e le tensioni internazionali, vi hanno caricato di tante cupe aspettative sull’Iran.

Beh sappiate che arrivati all’aeroporto di Teheran, vi troverete, contro-pronostico, di fronte a una città cosmopolita e fortemente industrializzata.

Capite subito che muoversi è estremamente facile grazie ai numerosi mezzi di trasporto tra metro,bus e taxi, e anche se vi piaceva l’idea di raggiungere la città cavalcando un dromedario, vi abbandonate alla semplicità di uno schiocco di dita, e in men che non si dica siete al centro di Teheran.

Inutile negare che per un occidentale l’impatto non può essere dei migliori:

La folla di donne con il “chador”, più comunemente il tradizionale abito nero che le ricopre dalla testa ai piedi, vi fa subito capire che il colpo di fulmine in Iran sarà difficile, e il traffico caotico nelle strade cittadine, non vi fa sentire proprio a casa.

Ma la curiosità sale,  il tempo di trovare l’alloggio e depositare i bagagli, e state già girovagando per le folcloristiche vie della città.

La vostra attenzione è catturata dalla presenza quasi ossessiva, in ogni edificio, dei ritratti dell’Imam Khomeini e dell’Ayatollah Kamenei (rispettivamente fondatore della Repubblica islamica e attuale Guida Suprema), minacciosi quasi a voler ricordare le rigide basi su cui è costituito quello Stato.

Eppure più vi addentrate nel cuore della città, e più venite avvolti da luci soffuse e profumi orientali.

State iniziando a capire la magia di quel posto, quando vi imbattete in uno dei Bazar per cui questa terra è famosa: vi ritrovate immersi in trattative con strani mercanti, che provano a vendervi merci di ogni tipo, in una frenesia che vi darà l’idea di essere capitati nella versione medio-orientaledi Wall Street.

Dopo aver rischiato di uscire da li con un raffinatissimo tappeto persiano, e spezie di ogni tipo, decidete che è giunto il momento di dedicarsi a qualcosa di culturale, visto che Teheran è famosa per i suoi musei.

Si è fatto tardi.

Archiviati i musei, decidete che l’indomani andrete a visitare  Isfahan, considerata la più bella città dell’Iran grazie al suo incredibile patrimonio artistico ed architettonico; ma il vostro stomaco concorda con voi che per il momento la raffinatezza di smalti e ceramiche, le forme graziosamente proporzionate e le splendenti decorazioni islamiche possono aspettare.

Vi fermate al primo ristorante tipico, e il caso sceglie per voi da un menù incomprensibile un “Mazè”, pietanza che, in un mix di yogurt e salse a base di verdure, da un lato si porta dietro 2500 anni di gastronomia persiana, dall’altro è espressamente un pasto mattutino.

Considerando il crepuscolo fuori dalla finestra, realizzate che è come se a Parigi siate andati a cena al ristorante, e invece che Escargots abbiate ordinato latte e cereali. Ma non vi importa.

La gente è stana ma cortese, e sembra fregarsene dei cliché.

Siete nella terra delle “Mille e una notte”.

E quella terra vi piace.

Importanza 1

Importanza 2

Importanza 3

Importanza 4

Importanza 5