L’EX BARBOLINI FA LE CARTE ALLE AZZURRE

Pubblicato il 12/09/2014
12/09/2014

dal Corriere dello Sport Roma, 12 settembre 2014

Mancano meno di due settimane all'inizio del Mondiale femminile e prosegue spedita la marcia d'avvicinamento delle azzurre di Marco Bonitta, in ritiro al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" di Roma. Diciassette le giocatrici agli ordini del c.t., che in questi giorni dovrà scegliere il gruppo delle quattordici da utilizzare durante la rassegna iridata, il grande obiettivo della stagione. Proprio in vista del Mondiale importante sarà il test amichevole in programma domani (ore 19) al Palazzetto dello Sport contro la Turchia.

Proprio la squadra guidata dall'ex c.t. azzurro Massimo Barbolini è stata l'ultima avversaria dell'Italia nel Grand Prix di quest'anno. A Kaliningrad vinsero le turche 3-1, eliminando dal torneo le azzurre, che da quel momento hanno concentrato le proprie forze su Italy 2014. L'esordio è fissato per il 23 settembre (ore 20) al PalaLottomatica contro la Tunisia, poi il 24 toccherà alla Croazia e il giorno successivo all'Argentina. Il 26 è in programma l'unico giorno di riposo della prima fase, mentre il 27 ad attendere le azzurre sarà la Germania di Giovanni Guidetti, per chiudere poi il 28 contro la Repubblica Dominicana. L'obiettivo è quello di presentarsi alla seconda fase di Bari con il massimo di punti a disposizione, per giocarsi così al meglio le proprie chances di arrivare a Milano. In vista del Mondiale l'Italia oltre alla gara di domani, affronterà a porte chiuse la Turchia domenica e la settimana prossima due volte l'Azerbaigian. «Siamo un cantiere aperto- l'analisi del c.t. azzurro Bonitta - ma il lavoro è a buon punto perché le fondamenta sono state gettate. Nonostante gli innesti dell'ultimora, il gruppo si è cementato. Adesso bisogna dedicarsi ai particolari. Per il Mondiale sarà importante cercare di arrivare con il miglior ritmo partita possibile. Penso che ci presenteremo alla poule di Roma con qualcosa ancora da definire, però la nostra fortuna è che il nostro è un girone in cui le difficoltà aumenteranno con il passare delle giornate. Quindi dobbiamo stare concentrati sulla gara contro la Tunisia, gettando un occhio alle altre avversarie del primo round. Seconda e terza fase, per ora, lasciamole stare: li in pratica sarà un altro tipo di Mondiale».

Importanza 1

Importanza 2

Importanza 3

Importanza 4

Importanza 5