Lo Bianco, emozioni azzurre: "Italia, ce la metterò tutta"

Pubblicato il 06/07/2016
06/07/2016
Leo Lo Bianco, 36 anni, si è presentata a Cavalese per unirsi all'Italia di Bonitta. "Mi viene da ridere, sono quella dell'ultimo minuto (anche al Mondiale 2014 fu chiamata a metà estate)".

Ieri sera è tornata in ritiro con il pensiero della quinta Olimpiade che la aspetta a Rio. Leo Lo Bianco, 36 anni, si è presentata a Cavalese per unirsi all'Italia di Bonitta. "Mi viene da ridere, sono quella dell'ultimo minuto (anche al Mondiale 2014 fu chiamata a metà estate)".

Perchè ha accettato?
"Quando ho detto no l'ho fatto per motivazioni precise: conosco il percorso l'ho già fatto. La fatica, i lunghi ritiri, lo stress mentale. Non lo reggo più semplicemente. Ma quando il 25 ho visto il nome di Marco sul telefono che squillava ero felice perchè sapoevo che cosa mi avrebbe chiesto. Mi sono presa 1-2 giorni per decidere ma sapevo già che avrei detto sì. Un mese lo posso gestire".

Come si sente?
"Indietro rispetto alle altre. Non sarò sicuramente al loro passo come condizione generale visto che ero in vacanza. Certo il tempo non è tanto. Può essere che tra 3 giorni ci accorgiamo che non funziona".

Si aspetta qualche malumore? La sua convocazione comporta l'esclusione di un'altra.   
"Qualche malumore lo capirei. D'altronde è stata una scelta del tecnico non mia e comunque non vengo dal nulla. La mia storia la conoscono. Spero di essere accolta bene".

Che squadra le è sembrata da fuori?
"Un ottimo gruppo con i pregi e i difetti di giocatrici molto giovani".

E le sue due rivali?
"Bravissime ed entrambe con un grande talento. Il regista è un ruolo delicato e a 17 e 19 anni può essere pesante. Hanno bisogno di esperienza e di prendere anche qualche porta in faccia. Loro sono il futuro dell'Italia, l'ho già detto".

Articolo di Valeria Benedetti, Gazzetta dello Sport

Importanza 1

Importanza 2

Importanza 3

Importanza 4

Importanza 5