Nazionale Under 17 F: A tu per tu con Giuliani, Munarini e Trampus

Pubblicato il 05/08/2020
05/08/2020
Nazionale Under 17 F: A tu per tu Giuliani, Munarini e Trampus

Concludiamo oggi la serie di interviste che hanno avuto come protagoniste le azzurrine della Nazionale PreJuniores Femminile che stanno lavorando agli ordini del tecnico Marco Mencarelli per preparare i prossimi campionati europei di categoria al momento in programma dal 1 al 9 ottobre in Montenegro. Protagoniste del focus di oggi sono state Dominika Giuliani, Matilde Munarini e Alice Trampus che ci hanno raccontato i loro obiettivi e le loro emozioni.  

Quando hai scoperto che la pallavolo sarebbe stata la tua attività?

Dominika: io sono praticamente nata in palestra, sin da piccola ho sempre seguito le orme di mia madre che ha giocato a pallavolo ad alti livelli. E' stato per me naturale praticare questo sport
Matilde: con l'under 14 ho iniziato a giocare sempre come centrale, questo cambio di ruolo mi ha fatto capire che la pallavolo poteva regalarmi delle belle soddisfazioni
Alice: quando ho ricevuto la prima convocazione in Nazionale e poi qunado sono stata selezionata per il Club Italia

Cosa significherebbe per te vestire la maglia della Nazionale maggiore?

Dominika: è il mio più grande sogno, raggiungere questo obiettivo mi motiva a dare il meglio di me in ogni allenamento e partita
Matilde: sicuramente un grande onore. La maglia azzurra rappresenta il punto più alto di uno sportivo e rappresentare l'Italia è un grande privilegio
​Alice: significherebbe la realizzazione di un sogno, allo stesso tempo è una grande responsabilità rappresentare il tuo Paese nel mondo

Quanto l'essere uno sportiva ruba tempo alla tua vita privata? Come riesci a conciliare le due dimensioni?

Dominika: lo sport occupa molto del mio tempo, cerco comunque di trovare il giusto equilibrio tra la pallavolo e l'impegno a scuola. In merito alle amicizie frequento soprattutto persone che hanno i miei stessi interessi e che capiscano cosa significa per me avere una vita così impegnata
Matilde: essere una sportiva ad esempio vuol dire che il sabato sera lo passi in palestra e non fuori in giro. Vivo lontata dalla mia famiglia e dalle mie amiche ma faccio tutto questo perchè sono mossa da una grande passione. Gestire la vita sportiva e privata non è facile ma con gli anni ho imparato ad organizzarmi
​Alice: la mia vita sportiva occupa la maggior parte del tempo, con una buona organizzazione e tanti sacrifici riesco a conciliare tutto

Come pensi di poter essere un esempio per le ragazze come te? 

Dominika: cercando di impegnarmi al massimo in tutto ciò che faccio e imparando sempre qualcosa dalle persone che mi circondano e che hanno più esperienza di me
Matilde: attraverso l'impegno e la dedizione. Se credi davvero in un obiettivo tutto sarà possibile
​Alice: sicuramente penso di poter essere un esempio attraverso l'impegno, il sacrificio e la costanza 

Quali sono, secondo te, i valori più importanti che la pallavolo trasmette e che possono essere trasmessi alle ragazze che iniziano a giocare?

Dominika: i valori più importanti che la pallavolo mi ha trasmesso sono stati il gioco di squadra. In campo ho imparato che il contributo di ogni singola persona è fondamentale per raggiugnere un obiettivo comune
Matilde: quelli più importanti penso siano l'impegno e la tenacia
​Alice: sicuramente il valore del gruppo e il concetto di squadra,  poi l'idea di battersi tutte insieme per un obiettivo comune 

Quali sono stati l'evento o l'esperienza  più significaivi della tua vita, sia in ambito sportivo sia nella tua vita privata?

Dominika: in ambito sportivo l'esperienza più significativa vissuta fin ora è stata la partecipazione agli europei under 16 dello scorso anno a Trieste. Nella vita privata l'evento più significativo è stata la nascita di mio fratello, credo che la famigia sia importantissima e ogni momento passato insieme è sempre bello
Matilde: nella mia vita sportiva un evento particolarmente significativo è stata la prima convocazione in Nazionale, ricordo ancora l'euforia che sentivo in quel momento. Nella vita privata non c'è  stato un singolo evento, ma il costante supporto che ricevo dalla mia famiglia
​Alice: dal punto di vista pallavolistico e di vita privata credo che andare a vivere da sola per seguire il mio sogno di diventare una giocatrice di alto livello sia stata per ora l'esperizienza più forte e significativa della mia vita

Quale caratteristica ti distingue? 

Dominika: mi piacerebbe essere presentata con una frase molto importante per me detta da Mohammed Ali " vola come una farfalla e pungi come un'ape"
Matilde: credo di essere una giocatrice umile e che si impegna molto, sono cresciuta in una piccola società e sarò per sempre grata di tutte le opportunità che mi sono state date. 
​Alice: una caratteristica che mi distingue è la mia testardaggine, sia nel bene che nel male quando mi metto in testa una cosa nulla mi può distogliere dal mio obiettivo

La tua canzone o genere preferito

Dominika: ascolto musica pop e rap
Matilde: i miei generi preferiti sono K-pop e Pop
​Alice: amo la musica latina e quella pop

Se non avessi giocato a pallavolo quale altro sport ti sarebbe piaciuto fare?

Dominika: mi sarebbe piaciuto giocare a basket essendo lo sport praticato da mio padre, il tennis poi è un altro sport che mi è sempre piaciuto
Matilde: se non avessi giocato a pallavolo mi sarebbe piaciuto continuare danza moderna. Sono inoltre una grande appassionata di musica e teatro
​Alice: probabilmente avrei fatto basket, come tutto il resto della mia famiglia

Come immagini il tuo futuro?

Dominika: immagino il mio futuro pieno di grandi soddisfazioni. Spero di poter diventare una giocatrice di alto livello migliorando sotto ogni punto di vista
Matilde: non so ancora cosa farò da grande, spero di essere una persona di cui i miei genitori possano andare fieri
​Alice: me lo immagino pieno di soddisfazioni in campo sportivo, spero di raggiungere tutti gli obiettivi che mi sono posta

Che cosa ti aspetti da questo Campionato Eueopeo?

Dominika: mi aspetto di vivere le stesse incredibili emozioni che ho vissuto a Trieste, voglio confrontarmi con giocatrici di altre nazioni e trasformare questa grande responsabilità in energia positiva per puntare sempre più in alto
Matilde: spero di avere la possibilità di dimostrare il mio valore e le mie capacità. Darò il massimo e con le mie compagne dimostreremo che l'Italia merita di vincere questa competizione
​Alice: mi aspetto di crescere e di fare del mio meglio per dare un contributo importante alla squadra

Il tuo sogno nel cassetto? 

Dominika:  sogno di diventare una giocatrice di alto livello e di partecipare con la Nazionale alle Olimpiadi
Matilde: vorrei avere la pssibilità di  viaggiare in tutto il mondo
​Alice: mi piacerebbe diventare una giocatrice professionista e rappresentare l'Italia alle Olimpiadi. Vorrei inoltre continuare gli studi e laurearmi in medicina

Importanza 1

Importanza 2

Importanza 3

Importanza 4