A Pesaro l'esordio interno nella World League per gli Azzurri

Pubblicato il 05/06/2015
05/06/2015

05 giugno - Archiviate le prime due partite che si sono chiuse con due vittorie degli Azzurri contro l’Australia, la World League 2015 riprende il suo cammino e fa tappa a Pesaro. Sulla città marchigiana per una notte si accenderanno i riflettori della grande pallavolo, l’appuntamento è alle 20.30 all’Adriatic Arena dove gli uomini di Berruto incontreranno la Serbia di Nikola Girbic, olimpionico a Sidney 2000, con il pubblico che potrà riabbracciare gli azzurri dopo il Mondiale 2014.

Italia - Serbia rappresenta una delle sfide classiche del volley mondiale degli ultimi venti anni, due nazionali di grande spessore con all’interno dei propri roster diversi protagonisti del campionato italiano.

A precedere l’importante match di questa sera c’è stata la conferenza stampa che ha avuto come protagonisti i CT e i Capitani delle due Nazionali. Mauro Berruto all’inizio 3della conferenza sottolineaLa World League è una competizione difficile e per questo bellissima L’obiettivo primario è quello di riappropriarci della nostra identità e queste prime due partite in Italia (domenica a Bologna, ndr) valgono il triplo. Non saremo ancora perfetti e non lo sarà nemmeno la Serbia, ma in questo momento dobbiamo pensare di più a come giochiamo noi e non gli avversari che poi aggiunge “Sono rimasto contento dell’atmosfera che si è respirata in Australia e di come abbiamo interpretato a livello di squadra gli impegni: sono convinto che queste caratteristiche sapremo mostrarle a chi ci verrà a vedere domani”. Giocare all’ Adriatic Arena rappresenta per il CT Azzurro un ritorno importante; nel 2011 debuttava ad Ancona sulla panchina azzurra e sempre nelle marche parte ora il nuovo ciclo.

Prende poi la parola Dragan Travica che dichiara “Veniamo da una trasferta positiva,  questo secondo week-end di gare lo affrontiamo con grande entusiasmo. C’è la giusta tensione e l’emozione per il debutto in casa". Il capitano azzurro poi aggiunge “la Serbia ha 2un tatto tecnico superiore all’ Australia e per noi è l’occasione giusta per capire a che punto siamo, quanto dobbiamo ancora lavorare per arrivare agli appuntamenti che contano. In Australia non siamo stati bellissimi, ma c’è stato il giusto entusiasmo che deve essere la benzina per il nostro motore".

La conferenza stampa continua poi con le parole del CT Serbo “Questo è un torneo particolare si allena poco e si gioca tanto, ma finché le condizioni sono uguali per tutti non c’è da lamentarsi. Non voglio dire che siamo ancora un cantiere aperto, ma è evidente che con uno staff tecnico completamente nuovo c’è bisogno del giusto tempo perché le nuove situazioni su cui stiamo lavorando inizino a vedersi in campo” che poi aggiunge a proposito del match  di questa sera “mi auguro che domani sera contro l’Italia l’approccio sia quello della prima partita che non quello dei primi due set della seconda. Ai giocatori chiedo di dare il massimo di quello che hanno a disposizione, poi se questo basterà per vincere la partita sarà il campo a stabilirlo”.

A margine della conferenza Dragan Stankovic rimarca l’importanza del match di stasera “vincere almeno una delle due partite con l’Italia, sarebbe molto importante per noi. Giochiamo contro una squadra che conosciamo bene: da un lato ci può aiutare, dall’altro ci può creare problemi in alcune situazioni. Noi dobbiamo pensare a fare bene le nostre cose, soprattutto all’inizio dei set, cosa che ci è mancata nella seconda partita in Brasile.

Gli ingredienti per un match entusiasmante e spettacolare ci sono tutti, l’attesa per questo esordio italiano cresce con l’avvicinarsi all’evento, non ci resta quindi che goderci lo spettacolo e sostenere gli Azzurri in questa delicata e importantissima partita per proseguire nel migliore dei modi il percorso nella World League 2015.

ADR2

 

Italia- Serbia in terra marchigiana in numeri:

1997 la prima sfida tra le due Nazionali a Pesaro vittoria dell’Italia per 3-0 sulla Jugoslavia davanti a 9000 persone

7 le partite nella storia della world League giocate nelle Marche ( 6 vittorie,  1 sconfitta)

19° gara ufficale degli Azzurri nelLE Marche  con un bilancio positivo fatto di 15 vittorie e 3 sconfitte.

Il calendario di questo week-and delle pool A e B

Pool A: Brasile-Australia 5/6, 7/6; Italia-Serbia 5/6 (Pesaro. Adriatic Arena ore 20.30); 7/6 (Bologna. Pala Dozza ore 18).
Pool B: Usa-Russia 5/6, 6/6; Polonia-Iran 5/6, 6/6

Classifiche:

Pool A: Italia 2 vittorie (6 punti), Brasile 2 v. (5 p.), Serbia 0 v. (1 p.), Australia 0 v. (0 p.)
Pool B: Usa 2 v. (0 p.),  Polonia 2 v. (5 p.), Russia 0 v. (1 p.), Iran 0 v. (0 p.)
#iogiocoapallavolo #FivbWorldLeague

(M.F.)

 

Importanza 1

Importanza 2

Importanza 3

Importanza 4

Importanza 5