WORLD LEAGUE 2014: ITALIA SCONFITTA ANCORA IN POLONIA

Pubblicato il 16/06/2014
16/06/2014

Lodz. Seconda sconfitta consecutiva per gli azzurri di Berruto che hanno finito per cedere all’Atlas Arena con il punteggio di 3-1 (25-22, 25-23, 23-25, 25-15).

Quella odierna è stata una gara caratterizzata da molte incertezze e sbavature, con Buti e compagni che hanno sbagliato molto, soprattutto al servizio permettendo così agli uomini di Antiga di usufruire di un consistente numero di errori che hanno finito per condizionare inevitabilmente l’esito di una partita che poteva essere sicuramente giocata meglio.

La gara è iniziata con la stessa formazione di venerdì per l’Italia scesa in campo con la diagonale Baranowicz-Vettori, Lanza e Randazzo schiacciatori, Buti e Piano centrali, Giovi libero. Antiga ha invece effettuato un cambio tra i martelli inserendo Buszek al posto di Winiarski, per il resto tutto con fermato con Drzyzga in palleggio, Wlazly opposto, Mika altro schiacciatore, Wrona e Klos centrali, Zatorski libero.

Il primo set è stato caratterizzato da molti errori dei ragazzi di Berruto che, da parte sua, ha tentato di cambiare l’inerzia della gara inserendo Sabbi e Corvetta al posto di Baranowicz e Vettori e con Maruotti che già in precedenza aveva rilevato Randazzo. Nonostante questo i polacchi, che avevano mantenuto costantemente il vantaggio (subito 8-2 in avvio, poi 18-13), hanno chiuso sul 25-22.

Nel secondo parziale Azzurri che hanno tenuto meglio il campo, riuscendo a tenere testa agli avversari per lunghi tratti anche se nel finale due errori in sequenza di Buti e Vettori hanno consentito agli uomini di Antiga di accumulare un minimo vantaggio (23-20) recuperato poi grazie a un muro italiano e a un errore al servizio di Wlazly (23-22), ma è poi stato Mika a chiudere sul 25-23 un set che gli uomini di Berruto hanno giocato molto meglio del primo.

Il terzo ha visto vede gli Azzurri continuare sulla scia del secondo, migliorando ulteriormente in convinzione, fattore che ha permesso loro di condurre, seppur con un minimo scarto, a partire da metà del parziale. La gara è rimasta comunque estremamente equilibrata con le due formazioni che hanno giocato palla su palla. Questa volta però il finale è stato degli uomini di Berruto che sono riusciti a spuntarla 25-23 nonostante diversi errori al servizio che a un certo punto sembravano aver compresso nuovamente l’esito del set. Nel quarto padroni di casa che hanno ripreso in mano le redini del gioco e, complici ancora diversi errori dei ragazzi di Berruto, hanno chiuso in proprio favore parziale e gara sul 25-15.

BARANOWICZ: “Dispiace perché anche questa sera abbiamo commesso molti errori che hanno finito per penalizzarci. Credo che ci manchi un po’ di amalgama, nel senso che abbiamo bisogno di giocare con una cera continuità per esprimerci al meglio. Ora abbiamo a disposizione altre due gare per migliorare in certe situazioni di gioco”.

MARUOTTI: “Anche questa sera ci è mancato qualcosa, la nostra partenza è stata con il gap, hanno subito accumulato un notevole vantaggio che ci ha poi condizionato per il resto del match. Sappiamo che dobbiamo fare meglio se vogliamo ottenere risultati convincenti. Abbiamo il dovere di migliorare”.

GIOVI: “Anche oggi parecchie sbavature, siamo venuti a mancare nei dettagli e a certi livelli le paghi. Abbiamo peccato di continuità; troppi alti e bassi che alla fine ci hanno penalizzato”.

POLONIA-ITALIA: 3-1 (25-22, 25-23, 23-25, 25-15)

POLONIA: Klos 11, Wlazly 11, Buszek 15, Wrona 11, Drzyzga , Mika 19, Zatorski (L). Konarski , Kurek, Zygadlo. Ne: Nowakowski, Winiarski. All. Antiga
ITALIA: Buti 9, Vettori 21, Lanza 6, Piano 6, Baranowicz 1, Randazzo 8, Giovi (L). Maruotti 9, Sabbi 2, Corvetta, Colaci, Beretta. All. Berruto
Arbitri: Azevedo (POR), Labasta (CZE)
Spettatori: 12.000 Durata set: 28’, 33’, 33’, 24’
Polonia: bs 16 a 4 mv 13 et 31
Italia: bs 17a 5 mv 5 et 23

Importanza 1

Importanza 2

Importanza 3

Importanza 4

Importanza 5